Acqua, rifiuti ed energia: visite guidate agli impianti

Riprendono con sabato 11 e domenica 12 marzo le ormai consuete visite guidate gratuite all’acquedotto Randaccio e al termovalorizzatore di via Errera, promosse da AcegasApsAmga, soggetto gestore dei due impianti, e curate dallo staff del WWF Area Marina Protetta di Miramare.

Le visite sono aperte a gruppi, famiglie, singoli, adulti e minori accompagnati e sono particolarmente consigliate ai docenti che nel corso dell'anno possono far richiesta per accedere gratuitamente (e su prenotazione) con le proprie classi.

D Rotondi errera ok033

Si comincia sabato 11 marzo con la visita al termovalorizzatore di via Errera: scopo dichiarato, mostrare ai cittadini dove vanno i rifiuti non differenziati, incentivare la riduzione nella produzione domestica dei rifiuti a partire dalla scelta degli acquisti e aumentare la motivazione nel fare la raccolta differenziata.

Dopo un momento teorico iniziale utile a introdurre alcuni concetti utili alla comprensione del funzionamento dell’impianto, parte il percorso guidato che permette di osservare da vicino le diverse fasi di trattamento e smaltimento dei rifiuti, visitando alcune sale di particolare interesse come la sala di controllo, la sala gruisti con la visione della fossa di scarico dei rifiuti, e infine l'area con gli impianti atti al trattamento dei fumi in uscita dal camino.

randaccio   Versione 2

Domenica 12 marzo sarà invece la volta dell’Acquedotto Randaccio di San Giovanni al Timavo: i visitatori verranno condotti alla scoperta del lungo viaggio di una goccia d’acqua dai luoghi di captazione al trattamento e alla distribuzione fino ai rubinetti delle nostre case, uffici e scuole, in un “dietro le quinte” di grande fascino e ingegno. L’acquedotto, infatti, sorge all’interno di un comprensorio ricco di elementi naturali e culturali di pregio, dalle numerose specie botaniche, al fenomeno inusuale delle risorgive nel nostro territorio, alla presenza eccezionale di una mansio romana del I sec. a. C., emersa durante i lavori di ampliamento dell’impianto negli anni '70.

Le visite, della durata di due ore circa, sono gratuite previa prenotazione telefonica al numero 040 224147 interno 3 (lun-ven 10-13).